Buscador Avanzado

Autor

Tema

Libro de la biblia

* Cita biblica

Idioma

Fecha de Creación (Inicio - Fin)

-

L'ULTIMO GESTO

Written by
Rate this item
(2 votes)

Gesù era realista. Sapeva che non poteva trasformare da un giorno all'altro quella società dove vedeva tanta gente soffrire. Non ha un potere politico né religioso per provocare un cambiamento rivoluzionario. Soltanto la sua parola, i suoi gesti e la sua grade fede nel Dio di quelli che soffrono.

Per questo che gli piace tanto fare gesti di bontà: «Abbraccia» i bambini della strada perché non si sentano orfani. «Tocca» i lebbrosi perché non si vedano esclusi dai villaggi. «Accogli» amichevolmente al suo tavolo peccatori e indesiderabili perché non si sentano esclusi.

Non sono semplici gesti convenzionali. Nascono dalla sua volontà di fare un mondo più amabile e solidale dove le persone si aiutino e si proteggano a vicenda. Non importa che si tratti di piccoli gesti. Dio tiene persino in conto il «bicchiere d'acqua» che diamo a chi a sete.

A Gesù piace soprattutto «benedire». Benedice i piccoli e benedice soprattutto i malati e i disgraziati. Il suo gesto è carico di fede e di amore. Desidera avvolgere quelli chi soffrono con la compassione, la protezione e la benedizione di Dio.

Non è estrano che, quando racconta il suo commiato, Luca presenti Gesù alzando le mani e «benedicendo» i suoi discepoli. È il suo ultimo gesto. Gesù entra nel mistero insondabile di Dio e i suoi seguaci rimangono avvolti dalla sua benedizione.

È passato molto tempo e forse l'abbiamo dimenticato, ma la Chiesa dev'essere nel mondo una sorgente di benedizione. In un mondo dove e così frequente «maledire», condannare, fare del male e denigrare, è più necessaria di mai la presenza di seguaci di Gesù che sappiano «benedire», cercare il bene, fare il bene, attrarre verso il bene.

Una Chiesa fedele a Gesù è chiamata a sorprendere la società con gesti pubblici di bontà, rompendo schemi e allontanandosi da strategie, stili d'attuare e linguaggi aggressivi che non hanno niente a che vedere con Gesù, il Profeta che benediva le genti con gesti e parole di bontà.

 

José Antonio Pagola

Traduzione: Mercedes Cerezo

Publicado en www.gruposdejesus.com

Read 63 times
Login to post comments