Buscador Avanzado

Autor

Tema

Libro de la biblia

* Cita biblica

Idioma

Fecha de Creación (Inicio - Fin)

-

VIVERE SENZA ACCOGLIERE LA LUCE

Written by
Rate this item
(1 Vote)

Lungo la vita tutti commettiamo errori e sbagli. Calcoliamo male le cose. Non misuriamo bene le conseguenze dei nostri atti. Ci lasciamo trascinare dalla passione o dall'insensatezza. Siamo così. Tuttavia non sono questi gli errori più gravi. La cosa peggiore è aver impostato la vita in maniera errata. Facciamo un esempio.

Tutti sappiamo che la vita è un dono. Non sono io che ho deciso di nascere. Non mi sono scelto da me stesso. Non ho scelto i miei genitori né il mio paese. Tutto mi è stato dato. Vivere è già, fin dall'origine, ricevere. L'unica maniera di vivere sensatamente è accogliere in maniera responsabile quello che mi si dà.

Tuttavia non sempre pensiamo così. Crediamo che la vita è qualcosa che ci è dovuta. Ci sentiamo proprietari di noi stessi. Pensiamo che la maniera più sicura di vivere è organizzare tutto in funzione di noi stessi. Io sono l'unico importante. Che importano gli altri?

Alcuni non sanno vivere se non esigendo. Esigono ed esigono sempre più. Hanno l'impressione di non ricevere mai quello che è loro dovuto. Sono come bambini insaziabili, che non sono mai contenti di quello che hanno. Non fanno altro se non chiedere, rivendicare, lamentarsi. Senza appena rendersene conto diventano a poco a poco il centro di tutto. Sono loro la sorgente e la legge. Devono subordinare tutto al loro ego. Tutto deve rimanere strumentalizzato per il loro profitto.

La vita della persona si chiude allora su se stessa. Non si accoglie più il dono di ogni giorno. Scompare la riconoscenza e la gratitudine. Non è possibile vivere con il cuore dilatato. Si continua a parlare di amore, ma «amare» significa ora possedere, desiderare l'altro, porlo al mio servizio.

Questa maniera di impostare a vita conduce a vivere chiusi a Dio. La persona diventa incapace ad accogliere. Non crede nella grazia, non si apre a nulla di nuovo, non ascolta nessuna voce, non sospetta alcuna presenza nella sua vita. È l'individuo che lo riempie tutto. Per questo è tanto grave l'avvertimento del vangelo di Giovanni: «La Parola è luce vera che illumina ogni uomo. Venne nel mondo e il mondo non la conobbe. Venne nella sua casa e i suoi non l'hanno accolta». Il nostro grande peccato è vivere senza accogliere la luce.

 

José Antonio Pagola

 Traduzione: Mercedes Cerezo

Publicado en www.gruposdejesus.com

Read 93 times
Login to post comments