Buscador Avanzado

Autor

Tema

Libro de la biblia

* Cita biblica

Idioma

Fecha de Creación (Inicio - Fin)

-

IMPARARE DAI SEMPLICI

Written by
Rate this item
(0 votes)

Gesù non ebbe problemi con la gente semplice del villaggio. Sapeva che lo capivano. Quello che lo preoccupava era se un giorno sarebbero arrivati a capire il suo messaggio i leader religiosi, gli specialisti della legge, i grandi maestri d'Israele. Era sempre più evidente: quello che riempiva di gioia il popolo semplice, lasciava loro indifferenti.

Quei contadini che vivevano combattendo la fame e i grandi latifondisti lo capivano molto bene: Dio li voleva vedere felici, senza fame né oppressori. Gli infermi si fidavano di lui e, animati dalla fede, tornavano a credere nel Dio della vita. Le donne che osavano uscire dalla casa per ascoltarlo intuivano che Dio doveva amare come diceva Gesù: con viscere di madre. La gente semplice del popolo sintonizzava con lui. Il Dio che annunciava loro era quello che desideravano e di cui avevano bisogno.

L'atteggiamento degli «intenditori» era diverso. Caifa e i sacerdoti di Gerusalemme lo vedevano come un pericolo. I maestri della legge non capivano che si preoccupasse tanto della sofferenza della gente e si dimenticasse delle esigenze della religione. Per questo, fra i seguaci più vicini a Gesù non ci furono sacerdoti, scribi o maestri della legge.

Un giorno, Gesù rivelò a tutti quello che sentiva nel cuore. Pieno di gioia pregò così Dio: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli».

È sempre così. Lo sguardo della gente semplice è, ordinariamente, più limpido. Non c'è nel loro cuore tanto interesse complicato. Vanno all'essenziale. Sanno che cosa è soffrire, sentirsi male e vivere senza sicurezza. Sono i primi che comprendono l'Evangelo.

Questa gente semplice è il meglio che abbiamo nella Chiesa. Da loro dobbiamo imparare vescovi, teologi, moralisti ed esperti in religione. A loro Dio rivela qualcosa che a noi sfugge. Noi ecclesiastici abbiamo il rischio di razionalizzare, teorizzare e «complicare» troppo la fede. Solo due domande: perché c'è tanta distanza tra la nostra parola e la vita della gente? Perché il nostro messaggio risulta quasi sempre più oscuro e complicato di quello di Gesù?

 

José Antonio Pagola

 Traduzzione: Mercedes Cerezo

Publicado en www.gruposdejesus.com  

Read 7 times
Login to post comments